22.4.17

"Ad lunam sororem". Un D'Annunzio erotico

Forma che così dolce t'arrotondi
dove si inserta l'arco delle reni
e, vincendo in tua copia tutti i seni,
ne la mia man che ti ricerca abbondi,

e ti parti, anche duplice, in due mondi
ove il Peccato i suoi più rari beni
chiuder volle per me, come in terreni
paradisi, e i misteri più profondi;

o tu, candida mole che sul vivo
perno ondeggi levata in alti cieli
ove la voluttà i suoi nembi aduna,

risplendi or qui come nel marmo argivo
s'io t'invoco presente, fuor de' veli,
o carnale sorella de la Luna!


31 luglio 1893

Nessun commento:

statistiche