20.3.15

Il 26 luglio di Sandro Pertini

La mattina del 26 luglio 1943 stavo passeggiando con l'amico Fundo lungo i cameroni dei confinati quando notammo che i militi in camicia nera, invece di sorvegliarmi, come facevano di consueto, parlavano concitatamente fra di loro. Apparivano costernati. "Ma che sarà accaduto?" ci dicemmo. Improvvisamente dai cameroni uscirono a gruppi e frettolosi i confinati. Tutti si diressero verso una piazzetta, ove di solito si udiva la radio. Li seguimmo.
La piazzetta era gremita di confinati. Erano le 8. Udimmo scandire il segnale orario. Un breve silenzio e poi lo speaker diede lettura del famoso comunicato: "Sua maestà il re e imperatore ha accettato le dimissioni dalla carica di capo del governo, primo ministro e segretario di Stato presentate da S.E. il cavaliere Benito Mussolini...". Un confinato gridò: "Viva l'Italia libera!". Applaudimmo e ritornammo verso i cameroni. 
Strano quello che subentrò in noi: erano vent'anni - in esilio, in carcere, al confino - che attendevamo la caduta del fascismo, e adesso l'accoglievamo senza alcuna manifestazione di esultanza. Ma ciascuno pensava alla grande responsabilità che sarebbe pesata sulla nuova classe dirigente, su di noi; pensava all'eredità fallimentare lasciata dal fascismo ed intuiva che le lotte più dure e difficili ci attendevano, dopo l'inattività forzata cui per lunghi anni eravamo stati costretti.

da Sandro Pertini: sei condanne, due evasioni (a cura di Vico Faggi), Mondadori, 1970

Nessun commento:

statistiche