11.10.16

Li morti arisuscitati. Un sonetto di Giuseppe Gioachino Belli

Il beato Ippolito Galantini (Firenze 1565 - 1619)
Fra tutti li miracoli più belli
er mejo è der Beato Galantino,
che diede er volo a uno spido d'ucelli
bell'e arrostiti ar foco der cammino.

Come vedde vola li su' franguelli,
figurateve l'oste fiorentino!
Dicheno ch'arrivò pe ritenelli
sino a offri ar zanto un mezzo bicchierino!

"Nun zerve che me preghi e che me guardi"
rispose er zanto: "io parlo verbus-verbo.
P'er vino, co li debbiti ariguardi,

lo beverò pe nun paré superbo:
ma pe l'ucelli, fijo caro, è tardi.
Vanno a San Pietro, e già stanno a Viterbo."


Roma, 9 gennaio 1833.

Nessun commento:

statistiche