7.11.16

Il riposo del gorilla (Camilla Cederna)

Festa da un grosso boss della televisione in occasione dell'acquisto di un giornale televisivo, per l'appunto. Molti invitati alla moda, presentatori della Tv, imbrillantinati, con uno stemma dorato sul taschino della giaccablu, uno o due giovani cantanti rock spettinatissimi, belle ragazze genere valletta con molte lentiggini luccicanti, d'oro o d'argento.
A un certo punto uno degli invitati deve fare una telefonata e chiede a un domestico dove può trovare un apparecchio. È un tipo distratto, e non lo trova subito, così può dare un'occhiata alla casa, ex altoborghese, dove molte sale ora sono state trasformate in bianchi studi di posa. Una stanza specialmente attira la sua attenzione. È una biblioteca con un tavolo intorno al quale cinque o sei omaccioni, tra salaci commenti, sfogliano delle riviste pornografiche. E in mezzo al tavolo, su un gran piatto d'argento, cinque o sei rivoltelle ammonticchiate.

Postilla
Il testo è tratto da De gustibus, Arnoldo Mondadori, 1986, un libro che raccoglie gli articoli scritti da Camilla Cederna nei primi anni 80 del Novecento su “Panorama”, al tempo diretto da Carlo Rognoni e edito da Mondadori. 
Il boss televisivo di cui si parla e che nei primi anni '80 festeggiava l'acquisto di “Sorrisi e Canzoni”, qualche anno più tardi, sarebbe diventato padrone di “Panorama” e di tutta la Mondadori.




Nessun commento:

statistiche